COLTURE E MALERBE
Agricoltura alle prese con le piante infestanti
.:Introduzione
.:Perpetuazione delle infestanti
.:Il pioppeto
.:La risaia
.:Erbe galleggianti e sommerse
.:Erbe galleggianti e sommerse

Sul terreno pronto alla semina ma ancora non coperto dall'acqua si insedia una vegetazione algale costituita da un feltro di sottili filamenti che ricopre il fango umido. E' composto dalla Vaucheria Humata, una Crisofita il cui tallo microscopico è formato da un filamento ramificato dicotomicamente. Il suo destino è segnato dall'inondamento della risaia che prelude alla semina e che innesca il declino del Vaucherieto che completerà a giugno. Non è perfettamente noto come dopo la ripulitura del terreno, le erbe infestanti riescano a penetrare nuovamente nella risaia. Alcune vengono probabilmente portate con l'acqua proveniente dai canali di irrigazione sotto forma di semi, altre con l'intero corpo vegetativo.
La vegetazione sommersa è meno evidente delle precedenti ma ha una importanza per nulla inferiore. La pianta più diffusa è la Ranocchina delle risaie, specie a fusti ramificati. Oltre ad altre Fanerogame quale il Pepe d'acqua e l'Erba vescica. Compare in questo strano una caratteristica componente crittogamica, la Chara coronata.
Tra le alghe verdi le Carofite sono tra quelle ad organizzazione morfologica più complessa e la Chara coronata ha dimensioni macroscopiche e morfologia osservabile anche ad occhio nudo.
By site.colturemalerbe